Monthly Archives: September 2014

We Can’t Destroy ISIS Without Destroying Bashar al Assad First

(By Fred Hof – Foreign Policy, September 12, 2014) On Wednesday evening, President Obama took 14 minutes to articulate, in clear and persuasive language, a counter-terrorism strategy “to degrade and ultimately destroy the terrorist group known as ISIL.” Yet the … Continue reading

Posted in Del Mondo, Primavere arabe | Tagged , , | Leave a comment

Non si può capire l’ISIS senza conoscere la storia del Wahhabismo in Arabia Saudita

(di Alastair Crooke – 3 settembre 2014, per L’Huffington Post) BEIRUT – La drammatica entrata in scena del Da’ish (ISIS) in Iraq ha scioccato tanti, in Occidente. In molti sono rimasti perplessi – e inorriditi – dalla sua violenza e … Continue reading

Posted in Del Mondo, Primavere arabe | Tagged , | Leave a comment

Tutti con lo Stato islamico

(di Alberto Savioli – da SiriaLibano). Dall’inizio dei bombardamenti americani in Siria contro le postazioni dello Stato islamico, il primo vero risultato ottenuto dagli Stati Uniti è stato quello di staccare quei gruppi di matrice salafita che combattevano nella coalizione … Continue reading

Posted in Primavere arabe | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Siria, in carcere chi chiede dei militari scomparsi

(di Zanzuna per SiriaLibano). Non ha usato mezzi termini il presidente americano Barack Obama quando, nell’incontro Nato tenutosi venerdì a Newport in Gran Bretagna, ha parlato dei mezzi per sconfiggere lo Stato islamico. Non ha utilizzato l’espressione “linea rossa”. Né … Continue reading

Posted in Primavere arabe | Tagged , , | Leave a comment

Violenza, silenzio e barbarie: quello che ho visto io della Siria

Siria. Là dove il web si incendia. Da 3 anni leggo versioni incompatibili sui fatti avvenuti in Siria. Una vera guerra mediatica tra due opposte fazioni, con quella antimperialista (e ahimè in parte pacifista) impegnata nel negazionismo dei crimini di … Continue reading

Posted in Autodafé | Leave a comment

Chi l’ha detto?

“… Dobbiamo quindi sopportare l’effetto, indubbiamente cattivo, del fatto che i deboli sopravvivano e propaghino il loro genere, ma si dovrebbe almeno arrestarne l’azione costante , impedendo ai membri più deboli ed inferiori di sposarsi liberamente come i sani.”

Posted in Autodafé | Leave a comment